Questo è un blog dove parlo dei libri che leggo. E siccome in questi anni leggo soprattutto romanzi di scrittori non occidentali, sarà un blog su romanzi non occidentali. Sono partita un po’ di anni fa leggendo gli scrittori giapponesi, poi sono arrivata in India, Pakistan e dintorni, con qualche viaggio in Israele, Nord e Sud Africa, passando per la Cina. Leggere romanzi ambientati in paesi non occidentali è un po’ come viaggiare in quei paesi, così come quando ero più giovane e leggevo i classici del ‘700 e del ‘800 mi sembrava di viaggiare nel passato.

Archive for the ‘Algeria’ Category

Riti, miti, simbolismo e magia fra le donne della Cabilia

Thursday, October 6th, 2011

Questo non è un libro ma un incontro che si terrà domani venerdì 7 ottobre dalle 18.30 alle 21.30 alla Casa Internazionale delle Donne di Roma.

Makilam (Malika Grasshoff) è nata e cresciuta in Algeria in un villaggio del Djurdjura nella regione della Cabilia. Si è trasferita in Germania a 17 anni dove ha conseguito il dottorato in storia e etnografia all’Università di Bremen. Il suo punto di vista dall’interno delle sacre pratiche matrilineari rivela la complessità del simbolismo e la centralità delle donne nella cultura cabilia. Il brillante lavoro di Makilam getta una luce completamente nuova sui riti, i miti e sulla struttura sociale di questa società ora in pericolo di estinzione.

Seguirà aperitivo conviviale.

Spero di andarci così vi farò sapere…

Posted in Algeria | 2 Comments »

Divorzio all’islamica a viale Marconi

Tuesday, November 30th, 2010

“La prima domanda che ti fanno sempre è: come ti chiami? Se hai un nome straniero si crea immediatamente una barriera, una frontiera insuperabile fra il ‘noi’ e il ‘voi’. Il nome ti fa sentire subito se sei dentro o fuori, se appartieni al ‘noi’ o al ‘voi’. Un esempio? Se vivi a viale Marconi e ti chiami Mohamed vuol dire automaticamente che non sei un cristiano o un ebreo, ma un musulmano. Giusto? Molto probabilmente non sei nemmeno italiano perché i tuoi genitori non lo sono. E allora? Allora niente. Non conta se sei nato in Italia, hai la cittadinanza italiana, parli perfettamente l’italiano eccetera eccetera. Mio caro Mohamed, agli occhi degli altri non sei (e non sarai mai) un italiano doc, un italiano al cento per cento, un italianissimo. Diciamo che il nome è il primo marchio della nostra diversità. “

(more…)

Posted in Algeria, Amara Lakhous | No Comments »

L’attentatrice

Monday, July 14th, 2008

(ANSA) – BAGHDAD, 7 LUG – Almeno nove persone, tra cui diverse donne e bambini, sono morte e 12 altre sono rimaste ferite a Baquba da un’attentatrice suicida. La donna si e’ fatta saltare in aria in un mercato popolare, secondo una fonte di polizia della provincia di Diyala, di cui Baquba e’ il capoluogo che ha precisato solo che l’attentato e’ stato messo a segno nel quartiere di al Mafraq. Negli ultimi sei mesi sono almeno 16 le donne kamikaze che si sono fatte esplodere nella provincia di Diyala.

(more…)

Posted in Algeria, Yasmina Khadra | 4 Comments »