Questo è un blog dove parlo dei libri che leggo. E siccome in questi anni leggo soprattutto romanzi di scrittori non occidentali, sarà un blog su romanzi non occidentali. Sono partita un po’ di anni fa leggendo gli scrittori giapponesi, poi sono arrivata in India, Pakistan e dintorni, con qualche viaggio in Israele, Nord e Sud Africa, passando per la Cina. Leggere romanzi ambientati in paesi non occidentali è un po’ come viaggiare in quei paesi, così come quando ero più giovane e leggevo i classici del ‘700 e del ‘800 mi sembrava di viaggiare nel passato.

Archive for the ‘Lavanda Sankaran’ Category

Il tappeto rosso. Storie di bangalore

Sunday, February 10th, 2008

“A Bangalore, nel centro dell’India meridionale, si fabbricano solo soluzioni, concetti, programmi e linguaggi codificati. Per mandare avanti l’elettronica e l’informatica, l’intero sistema nervoso dell’economia globale. […] Bangalore è diventata davvero una gemella della Silicon Valley. Qui la meritocrazia riesce a cancellare persino il peso delle caste: sul mercato del lavoro hi-tech contano i titoli di studio e l’esperienza professionale, il cervello e la fantasia creativa. Se sei in grado di brevettare una nuova invenzione, non hai bisogno di essere figlio di bramini per farti strada. È una città dominata da un nuovo tessuto sociale di immigrati di talento, nomadi del sapere tecnologico. Ormai solo una minoranza dei residenti conosce la lingua locale, il kannada. Più ancora dell’hindi, l’inglese è diventato la lingua-ponte tra le etnie che si mescolano. Nelle scuole per i figli della middle class si insegnano tutte le materie in inglese fin dalla prima elementare. L’hindi si studia come seconda lingua, il kannada è optional come terza lingua, ma c’è chi preferisce sostituirlo addirittura con il tedesco o il francese. […]” (Federico Rampini, L’impero di Cindia, Mondadori 2006, pp. 27-28.).

(more…)

Posted in India, Lavanda Sankaran | 3 Comments »